Oggi il Gruppo LEGO svela il suo ultimo set riguardante l’amato protagonista della serie Star Wars, The Mandalorian, prodotta per Lucasfilm: LEGO® Star Wars The Child, che si ispira al personaggio più simpatico della saga. Noto per la sua piccola statura e il grande carisma, è stato soprannominato ”Baby Yoda’’ dai fan. Il set sarà  disponibile in tutto il mondo dal 30 ottobre, con pre-ordini a partire da oggi, come parte dell’iniziativa ”Mando Mondays’’ di Disney e Lucasfilm.

La costruzione misura quasi 20 cm di altezza ed è composta da 1.073 mattoncini LEGO, è un set divertente completamente ispirato alla star indiscussa della serie The Mandalorian. Indicato per gli appassionati dai 10 anni in su, è personalizzabile. Baby Yoda ha una testa snodabile, orecchie mobili e una bocca regolabile. Inoltre, una volta terminato ed esposto, potrete scegliere tra le varie espressioni divertenti disponibili con cui The Child ha conquistato il pubblico.

“Quando mi hanno proposto di creare la versione LEGO di The Child, sapevo che sarebbe stata una sfida”, ha dichiarato Michael Lee Stockwell, Design Manager, LEGO® Star Wars. “L’obiettivo era catturare il fascino, ma soprattutto l’astuzia del personaggio. Abbiamo lavorato accuratamente, scegliendo e incastrando tutti i mattoncini. Tra i dettagli troverete anche il famoso pomello del cambio – uno dei giocattoli preferiti di The Child – come si vede nella serie.”

Il nuovo set contiene una targhetta con le informazioni, tra cui l’altezza e l’età  di The Child e la minifigure LEGO Star Wars di The Child.

LEGO Star Wars The Child sarà disponibile in pre-order a partire da oggi 21 settembre alle ore 22.00 direttamente nei LEGO Store, su LEGO.com e nei retailer selezionati

ADVERTISEMENT
Carlo Porciatti

Carlo Porciatti

Carlo Porciatti nasce a Foggia nel 1977. Le sue passioni per la musica, da buon organista è amante delle colonne sonore di John Williams, e per i videogiochi lo portano su GuerreStellari.net. Da semplice utente diventa prima moderatore del forum Galaxy e man mano… Salvo una piccola parentesi, gestisce ormai GS.net da diversi anni.

Related Posts