Adattamento dell’articolo riportato su Hollywoodreporter.com

Il produttore esecutivo, insieme al regista Taika Waititi e altri, interviene sul fascino di Baby Yoda sul set e la creazione della prima grande serie per il servizio streaming Disney +.

Melinda Sue Gordon / Lucasfilm Ltd.

Come diceva una volta un vecchio e saggio pupazzo: “Fare o non fare. Non c’è provare!” Le grandi e recenti parole di Yoda riecheggiano in The Mandalorian su livelli illimitati come l’ampio universo di Star Wars in cui è radicato. Produzione esecutiva e direzione creativa del veterano della Disney Jon Favreau, The Mandalorian è la prima grande serie scritta per il servizio streaming Disney +. È anche il primo tentativo televisivo Live Action di Star Wars (a parte il famigerato speciale Star Wars Holiday del 1978) e lungi dall’ultimo, con serie basate su Obi-Wan Kenobi e altre in fase di sviluppo. Ed è tutto raccontato attraverso l’obiettivo di un cacciatore di taglie a sangue freddo (Pedro Pascal) che non si toglie mai l’elmetto – almeno non in pubblico, e solo una volta per il pubblico in streaming.

Le grandi pressioni inziali per la posta in gioco, durante la produzione di The Mandalorian erano più alte di qualsiasi film di Star Wars, molto prima che il mondo in generale vedesse un singolo fotogramma del girato. Tale situazione ha visto coinvolto un elemento che nessuno poteva prevedere: The Child, meglio conosciuto online con un nome non ufficiale ma molto più benevolo ai meme: Baby Yoda . The Mandalorian non è solo la storia di un pistolero mascherato, ma piuttosto di un pistolero che protegge un bambino importantissimo – il cui posto all’interno della più grande mitologia di Star Wars era così importante che nessuno, al di fuori della produzione, conosceva “il bambino”, come lo chiama amorevolmente Favreau, prima del debutto della serie a novembre.

In relazione a The Mandalorian . “Fai uscire qualcosa nel mondo e poi ti fa eco”, dice Favreau sul circuito di feedback ricevuto nel lavoro su una proprietà di Star Wars . “Devi ascoltare. Non è una strada a senso unico. È una strada a doppio senso. Devi sentire l’energia del pubblico. Ma quando vieni dalla commedia – e facevo improvvisazioni a Chicago – ecco tutto: Devi capire la situazione, devi sentire la situazione. Devi essere in comunione con il pubblico. Devi farne parte. “

Il segreto era sorprendentemente facile da mantenere. Favreau e Disney hanno concordato di bloccare qualsiasi informazione su The Child per il marketing ed il merchandising, che spesso conduce a fughe di spoiler nei grandi franchising come Star Wars. All’interno del cast e della troupe di The Mandalorian, tuttavia, non era necessario un pubblico di prova per sapere una verità innegabile: The Child era una star.

Giancarlo Esposito, che interpreta il formidabile nemico del Mandalorian, Moff Gideon, si è trovato in possesso di un altro pezzo top-secret del folklore di Star Wars : la Darksaber, un’arma con radici nelle amate incarnazioni animate del franchise. Ma anche il grande antagonista di Breaking Bad è dovuto uscire dal personaggio abbastanza a lungo per ammirare The Child. “Ho sempre saputo che questo bambino sarebbe stato il protagonista di questo spettacolo“, dice ridendo.

Melinda Sue Gordon / Lucasfilm Ltd.

Favreau mostra a Esposito come usare un’arma iconica di Star Wars: “Non era diverso dal giocare con un enorme set di giochi di Star Wars “, dice il produttore.

Taika Waititi, che ha diretto il finale di stagione (girato a dicembre ai Manhattan Beach Studios) e ha doppiato l’assassino androide IG-11, doveva anche fare delle pause occasionali per sedersi con Il bambino tra le mani. “Mi ha ricordato così tanto i miei bambini quando avevano 6 mesi”, dice. “Non potevo evitarlo, dovevo tenerlo allo stesso modo.”

Melinda Sue Gordon / Lucasfilm Ltd.

Durante le riprese dell’ottavo e ultimo episodio della prima stagione, il regista Taika Waititi si prendeva regolarmente delle pause per tenere il Bambino tra le braccia: “Sarebbe abbastanza senza cuore non farlo”.

Chiaramente, l’assenza di cuore non è mai stata un problema sul set, sia attraverso The Child o il coinvolgimento extra della 501st Legion – un collettivo di fan di Star Wars che si vestono come Stormtroopers. Il cuore deve la sua natura pulsante al capo dell’operazione, Favreau, il cui viaggio verso la guida della prima serie live-action di Star Wars si ispira ai suoi giorni come maschera di cinema quando Return of the Jedi uscì nelle sale nel 1983.

“Il fatto è che, per quanto amiamo lavorare su Star Wars , amiamo ancora di più creare Star Wars per altre persone”, afferma Favreau. “E quando le altre persone ne sono entusiaste, piace ciò che stiamo facendo e sono riconoscenti, non c’è niente di meglio per noi.”

Melinda Sue Gordon / Lucasfilm Ltd.

“È stato come fare un giro in un parco di divertimenti”, dice la star Pedro Pascal delle riprese della prima stagione. “È stato come essere sul set e guardarti allo specchio e vedere l’immagine di qualcosa che riflette così tanto la tua esperienza d’infanzia.”

Melinda Sue Gordon / Lucasfilm Ltd.

Oltre a Pascal, numerosi stuntmen sono stati coinvolti nel dare vita al personaggio del mandaloriano. “Ho 45 anni, amico”, dice Pascal. “Sono solo dolori e sofferenze, amico. Dolori e sofferenze”.

Melinda Sue Gordon / Lucasfilm Ltd.

Giancarlo Esposito si è preparato per il suo debutto nei panni del malvagio Moff Gideon nello spettacolare finale della prima stagione chiedendosi: “Come posso somigliare allo stile, alle sensazioni e agli intrighi di Darth Vader?”

Melinda Sue Gordon / Lucasfilm Ltd.

Nel finale, i personaggi di Gina Carano e Carl Weathers tentano di fuggire dagli Stormtroopers. Jon Favreau afferma di essere stato ispirato da Game of Thrones e Breaking Bad nel suo approccio “televisivo episodico serializzato” a Star Wars: ” Sembrava che ci fosse un modo tutto nuovo di raccontare una storia su un capitolo, per molte, molte ore… – più che in un romanzo “.

Melinda Sue Gordon / Lucasfilm Ltd.

“Non mi sono mai sentito sopraffatto, davvero”, dice Waititi sulla regia del finale di stagione. “Ci sono stati così tanti momenti di eccitazione. È stato piuttosto strano, davvero. Non avrei mai pensato di lavorare con gli Stormtroopers.”

Melinda Sue Gordon / Lucasfilm Ltd.

“Ho sempre amato il suo stile e il suo senso dell’umorismo”, dice Waititi riguardo al lavoro con il collega ex-discepolo Marvel Favreau. “Ha creato questo show e scritto tutti gli episodi, ed è stato così bello avere qualcuno sul set in grado di rispondere alle tue domande e dire:” Ecco come fare “. È un ottimo leader “.

Trovate qui l’articolo orginale

ADVERTISEMENT
Redazione

Redazione

Account della Redazione di GuerreStellari.net , il sito che dal 1999 è il riferimento per il fandom italiano di Star Wars.